Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

Il corso di studi si conclude con l’Esame di Stato con il quale gli studenti conseguiranno il DIPLOMA DI RAGIONIERE con relativa certificazione e con il seguente profilo professionale: il ragioniere, esperto in problemi di economia aziendale, possiederà:

 

  • una soddisfacente cultura generale accompagnata da adeguate capacità linguistico-espressive e logico-interpretative;
  • avrà conoscenza dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo, contabile;
  • avrà acquisito la capacità di analizzare i rapporti fra l’azienda e l’ambiente in cui opera per proporre soluzioni a problemi specifici.

 

Pertanto egli sarà in grado di:

 

  • frequentare qualunque indirizzo universitario;
  • utilizzare metodi, strumenti, tecniche contabili ed extra-contabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali;
  • leggere, redigere ed interpretare ogni significativo documento aziendale;
  • gestire il sistema informativo aziendale e/o i suoi sottoinsiemi anche automatizzati, nonché collaborare alla loro progettazione o ristrutturazione;
  • elaborare dati e rappresentarli in modo efficace per favorire i diversi processi decisionali;
  • cogliere gli aspetti organizzativi delle varie funzioni aziendali per adeguarvi si, controllarli o suggerire modifiche.

 

Prospettive occupazionali

 

  • Strutture di servizio alla produzione: settori del credito, delle assicurazioni, dei trasporti e del terziario sia tradizionale che avanzato, oltre a fornire supporti specifici all’attuazione di processi industriali;
  • Libera professione con diploma universitario;
  • Contabilità di direzione;
  • Settore dei servizi di consulenza alla produzione, ( in forte espansione nella situazione attuale considerati gli obblighi imposti dalla normativa fiscale, l’applicazione delle Direttive CEE, l’espansione del terziario).