Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

 TeamWork

 

 

FUNZIONE COMPITI
DIRIGENTE SCOLASTICO
  • Dirige l’istituto I.I.S.S. “FEDERICO II” di Apricena
  • Rappresenta legalmente l’Istituto
  • Instaura e mantiene le relazioni con enti pubblici e privati a vari livelli territoriali
  • Coordina e pianifica insieme ai Collaboratori, ed alle Funzioni Strumentali le attività dei gruppi di lavoro.
  • È responsabile della procedura gestione delle risorse umane
  • È responsabile della procedura formazione del personale
  • Predispone la diffusione, la conoscenza e la applicazione dei Regolamenti di Istituto e del POF
  • Attiva e coordina le risorse umane dell’Istituto per conseguire gli obiettivi di qualità e di efficienza
  • Controlla e vaglia la documentazione da presentare all’esterno
DIRETTORE SERVIZI GENERALI AMMINISTRATIVI
  • È responsabile della procedura gestione della documentazione
  • È responsabile della procedura servizi amministrativi e di supporto
  • Organizza l’attività del personale addetto ai servizi amministrativi dell’Istituto
  • Organizza l’attività dei collaboratori scolastici e degli assistenti tecnici in base alle direttive del DS
  • Predispone il Piano Annuale ed i budget di spesa in collaborazione con il DS
  • Controlla i flussi di spesa dei parametri di preventivo
  • Predispone il Conto Consuntivo, i libri fiscali e la relazione finanziaria
  • Gestisce l’archivio documentale dei collaboratori esterni
  • Gestisce la modulistica della committenza pubblica per la apertura, la conduzione e la chiusura corsi e per la rendicontazione
  • Gestisce i rapporti con i collaboratori esterni e con i fornitori
  • Gestisce la contabilità corrente e gli adempimenti fiscali
  • Sovrintende la segreteria e lo smistamento delle comunicazioni;
  • È delegato alla gestione dell’attività negoziale
  • Partecipa alle riunioni dello staff di Presidenza.
COLLABORATORE del DS con FUNZIONI VICARIE
  • Sostituisce del Dirigente scolastico in caso di assenza o impedimento.
  • Vigila sull'osservanza dell'orario di servizio del personale docente e sull'assolvimento dell'obbligo di istruzione da parte degli alunni, provvedendo ai conseguenti e necessari adempimenti di legge.
  • Istruisce le azioni tese all'individuazione dei destinatari delle supplenze di competenza dell'Istituto.
  • Predispone le sostituzioni nelle classi dei docenti assenti.
  • Si occupa del coordinamento autorizzazioni all'uscita anticipata degli alunni e controlla la giustificazione dei ritardi e assenze degli stessi.
  • Gestisce e coordina l'orario settimanale delle lezioni.
  • Coordina le operazioni relative al rinnovo degli Organi Collegiali d'Istituto.
  • Collabora con il Dirigente Scolastico nell'attività di vigilanza didattica e delle iniziative previste dal Piano dell'Offerta Formativa, nonché nella realizzazione di innovazioni nella didattica e nella valutazione.
  • Collabora per la formazione delle classi, per organici e cattedre docenti comprese quelle di sostegno
  • Partecipa alle riunioni dello staff di Presidenza.
COLLABORATORE del DS
  • Sostituisce del Dirigente scolastico in caso di contemporanea assenza o impedimento dello stesso e del Docente 1° Collaboratore assumendone i compiti
  • Si occupa del coordinamento organizzativo e disciplinare, autorizzazioni all'uscita anticipata degli alunni e giustificazione dei ritardi e assenze relativamente al plesso scolastico di Via Pozzo Salso.
  • Collabora per la formazione delle classi, per organici e cattedre docenti comprese quelle di sostegno
  • In caso di contemporanea assenza o impedimento del Dirigente scolastico e del Docente 1° Collaboratore
  • Vigila sull'osservanza dell'orario di servizio del personale docente e sull'assolvimento dell'obbligo di istruzione da parte degli alunni, provvedendo ai conseguenti e necessari adempimenti di legge.
  • Istruisce le azioni tese all'individuazione dei destinatari delle supplenze di competenza dell'Istituto.
  • Predispone le sostituzioni nelle classi dei docenti assenti.
  • Si occupa del coordinamento autorizzazioni all'uscita anticipata degli alunni e controlla la giustificazione dei ritardi e assenze degli stessi.
  • Coordina le operazioni relative al rinnovo degli Organi Collegiali d'Istituto.

FUNZIONE STRUMENTALE:

GESTIONE PTOF – R.A.V. P.d.M

I compiti della F.S. sono connessi alla gestione del PTOF. In particolare cura il coordinamento del complesso di azione finalizzate all'elaborazione, attuazione, valutazione del PTOF. Opera in stretto collegamento con i team operativi, i singoli docenti, le commissioni, i vari referenti dei progetti, con le altre F.S. e con il Dirigente scolastico:
  • Ha la responsabilità di controllare e mantenere il sistema di coerenza interna del PTOF- R.A.V. e P.d.M
  • Predispone, archivia e cataloga anche i formato digitale il materiale per l’aggiornamento del PTOF e del R.A.V.A
  • Garantisce il rispetto delle procedure e dei criteri definiti e documenta l'iter progettuale ed esecutivo
  • Cura la promozione e la visibilità PTOF del RAV         e del P.d.Msul territorio
  • Coordina le attività programmate nel PTOF         e nel P.d.M
  • Si occupa del monitoraggio e valutazione delle attività e progetti del PTOF (in collaborazione con i docenti delle altre funzioni strumentali e i coordinatori di classe, di dipartimento e di indirizzo
  • Cura la verifica attenta e puntuale del percorso seguito da questa Istituzione Scolastica al fine di migliorare la produttività e la qualità della sua Offerta Formativa, ma anche per apprezzare le proprie risorse e potenzialità
  • Collabora con l’ufficio di Presidenza
  • Collabora con gli uffici amministrativi per i relativi adempimenti

FUNZIONE STRUMENTALE:

ORIENTAMENTO IN INGRESSO E CONTINUITÀ

Tale F.S. cura tutte le attività che si riferiscono allo studente considerato elemento centrale del processo formativo dal momento in cui entra nella scuola al momento in cui esce; pertanto si occupa del raccordo con la scuola media, continuità, accoglienza, attività integrative e/o complementari, alfabetizzazione per gli alunni stranieri, interazione con le altre F.S. e con le commissioni operanti nell’Istituto (orientamento, handicap, CIC, salute…).
  • Coordina le attività di orientamento verso le scuole medie (visite, sportello, mostre, ecc.)
  • Predispone materiali multimediali per la presentazione dell’offerta scolastica alle scuole medie del territorio: brochure, DVD, sito WEB
  • Organizza, promuove e coordina tutte le attività di continuità e di inserimento per i nuovi iscritti (accoglienza, giornate di studio, mostra dei progetti, ecc.)
  • Si fa interprete delle esigenze e delle istanze espresse dal contesto territoriale di riferimento e propone iniziative intese a personalizzare il curriculum, per arricchire l'offerta formativa in relazione ai bisogni degli studenti ed alle risorse disponibili
  • Effettua il monitoraggio sulle scelte orientative e cura l’eventuale riorientamento per gli alunni delle classi del biennio;
  • Organizza e coordina le attività di recupero e approfondimento e relative comunicazioni (agli alunni/genitori, ai docenti), si occupa della raccolta e dell’analisi dei dati relativi ai risultati delle attività di recupero ai fini della valutazione dell’efficacia
  • Collaborazione con l’ufficio di Presidenza
  • Collaborazione con gli uffici Amministrativi per i relativi adempimenti

FUNZIONE STRUMENTALE:

ORIENTAMENTO IN USCITA

Il docente incaricato dovrà avere sensibilità ed attitudini nel rapportarsi agli studenti ed ai bisogni che essi esprimono; rilevare i bisogni formativi; promuovere iniziative di coordinamento di tutte le azioni formative rivolte agli studenti; monitorare gli interventi
  • Coordina le attività di orientamento degli studenti verso l’Università (incontri con docenti universitari, visite alle facoltà universitarie, tavoli di lavoro scuola-università, pre-iscrizioni attraverso Internet, sportello, ecc…)
  • Coordina le attività di orientamento degli studenti verso il mondo del lavoro (incontri con rappresentanti di associazioni industriali, agenzie di lavoro interinale, corpi armati, Camere di Commercio, associazioni professionali, ecc.)
  • Propone e coordina attività di indagine sul mercato del lavoro nel territorio e opportunità di finanziamenti regionali, statali e comunitari per favorire l’auto imprenditoria giovanile
  • Organizza conferenze e incontri con Enti e Agenzie formative del territorio
  • Cura l’anagrafe alunni diplomati
  • Collabora con l’ufficio di Presidenza
  • Collabora con gli uffici amministrativi per i relativi adempimenti
FUNZIONE STRUMENTALE PER LE ATTIVITÀ di SOSTEGNO
  • Coordina le attività riguardanti gli alunni portatori di handicap, compresa certificazione P.E.I e P.A.I.
  • Formula progetti per l’inserimento/integrazione degli alunni diversamente abili in collaborazione con i docenti di sostegno, i consigli di classe e le strutture esterne
  • Contatta le scuole di provenienza dei nuovi iscritti per garantire la continuità educativa
  • Accoglie e orienta gli insegnanti di nuova nomina
  • Organizza e supervisiona la tenuta del registro dei verbali delle riunioni dei docenti di sostegno
  • Promuove la divulgazione di proposte di formazione e di aggiornamento
  • Monitora la situazione degli allievi certificati coordinando le riunioni degli insegnanti di sostegno e le riunioni dei coordinatori di classe e leggendo i verbali dei CdC allargati alle componenti esterne
  • Presiede la Commissione per il Sostegno
  • Relaziona sulle attività svolte

FUNZIONE STRUMENTALE:

RAPPORTI CON GLI ENTI ESTERNI

  • Cura i rapporti con il territorio (scuole, Enti, associazioni e soggetti istituzionali; economico–produttivi; culturali–sociali ecc.) volti all’implementazione della mission d’istituto e del POF;
  • Promuove le attività e le iniziative volte a supportare e sostanziare la relazione di interscambio e crescita scuola –territorio;
  • Coordina la realizzazione di progetti formativi d’intesa con enti, istituzioni esterni alla scuola;
  • Svolge attività di autoanalisi e autovalutazione per l’area di competenza;
  • Sottopone all'attenzione del collegio la progettazione di percorsi mirati per gli allievi orientati ad uscire dal sistema scolastico;
  • Monitora in itinere ed uscita lo svolgimento dei progetti di concerto con i docenti responsabili, anche al fine di valutarne l’efficacia e/o ipotizzarne l’implementazione;
  • Sollecita l'azione dirigenziale verso la sottoscrizione di accordi e convenzioni con Scuole, Enti e Associazioni, passando attraverso il Consiglio di Istituto
  • Individua iniziative rilevanti da segnalare al D.S. e alle altre funzioni strumentali per la pubblicizzazione;
  • Partecipa agli incontri previsti tra l'amministrazione scolastica e le amministrazioni comunali e provinciali coinvolte nei progetti, per la pianificazione degli elementi organizzativi necessari a garantire un piano coordinato sul territorio;
  • Rendiconta al collegio docenti sullo stato/svolgimento del Piano di lavoro in itinere e finale.
COORDINATORE DI CORSO/INDIRIZZO
  • Svolge attività di supporto alla direzione, collaborando alla gestione organizzativa e logistica del corso/indirizzo di studi;
  • Costituisce l'interfaccia con gli altri corsi/indirizzi di studio per la realizzazione di progetti comuni;
  • Gestisce l'attività di informazione, orientamento e accompagnamento in entrata, in itinere e in uscita;
  • Si occupa dell'organizzazione di attività di supporto e di recupero tenute dai docenti dei corsi stessi;
  • Promuove iniziative e corsi di eccellenza per gli studenti più validi;
  • Si occupa dell'organizzazione, della gestione e del monitoraggio di stage costituendo il punto di riferimento per enti/aziende, studenti e docenti;
  • Cura la comunicazione e la promozione del corso/indirizzo;
  • Partecipa a tutte le attività di monitoraggio della qualità, di valutazione e autovalutazione e di customersatisfaction relative alle attività formative
  • Individua e propone azioni correttive o preventive per eliminare le cause di non conformità effettive o potenziali riscontrate;
  • Si occupa del reperimento e della elaborazione di dati statistici sul corso/indirizzo, quali, per esempio, il numero di iscritti, di trasferiti, di ritiri, ecc.; dei risultati delle indagini relative ad attività interne e agli stage aziendali; della raccolta di segnalazioni di disfunzioni; della elaborazioni statistiche relative alla carriera degli studenti; di dati statistici relativi all'ingresso nel mondo del lavoro;
  • Coordina la realizzazione di progetti finanziati dal Fondo Sociale Europeo.
COORDINATORE DI DIPARTIMENTO I dipartimenti disciplinari, formati dai docenti delle varie materie di studio, sono impegnati nel definire tutte le operazioni e le condizioni preliminari alla costruzione di percorsi didattici. Nei dipartimenti disciplinari i docenti hanno l’opportunità di creare un gruppo professionale sufficientemente omogeneo avendo occasioni significative per rendere visibile e valutabile la loro professionalità. Le principali funzioni del Dipartimento sono:
  • Definire/riorganizzare i programmi con la costruzione di moduli disciplinari, multidisciplinari e interdisciplinari;
  • Definire gli standard di contenuto e di prestazione articolati per livelli di classe;
  • Elaborare strategie didattiche finalizzate al raggiungimento dei previsti standard di apprendimento
  • degli studenti;
  • Individuare i criteri di valutazione e gli strumenti di verifica;
  • Ricercare, esaminare, predisporre e produrre materiale didattico;
  • Individuare i criteri e le regole per la gestione dei crediti e dei debiti formativi;
  • Esaminare le proposte di nuove adozioni dei libri di testo
  • Il coordinatore:
  • Presiede e coordina le riunioni del gruppo disciplinare di riferimento verbalizzando brevemente le riunioni;
  • Partecipa alle riunioni dei coordinatori di dipartimento, periodicamente riunitesi o convocate dal dirigente scolastico per discutere dell’andamento dei gruppi;
  • Predispone le riunioni interdipartimentali per attività pluridisciplinari;
  • Raccoglie, coordina e documenta le attività del dipartimento e in particolare:
  • il lavoro di impostazione collegiale della programmazione;
  • le programmazioni individuali;
  • le tipologie di prove e griglie valutative;
  • le prove comuni svolte all’inizio e a fine anno e le osservazioni sulla produttività delle stesse;
  • il materiale didattico più significativo elaborato.
  • Costituisce punto di riferimento per i nuovi docenti o per i supplenti;
  • Rende comuni le risorse metodologico-didattiche che provengono da corsi di formazione frequentati dai docenti del dipartimento;
  • Propone le attività di formazione in servizio e coordina le attività di scelta dei libri di testo.
COORDINATORE DI CLASSE
  • Presiede il Consiglio di Classe in assenza del DS
  • Scambia informazioni, pareri, proposte con tutti gli altri docenti della classe
  • Fornisce un quadro attendibile ed aggiornato dell’andamento delle dinamiche della classe evidenziando la presenza di gruppi, proponendo casi disciplinari, fornendo informazioni in merito al recupero, sostegno, approfondimento, al Consiglio di Classe, agli allievi e alle loro famiglie
  • Riferisce ai rappresentanti dei genitori e degli alunni quanto emerso dal resoconto dei colleghi
  • Aiuta e formula analisi delle soluzioni dei problemi della classe e dei singoli allievi secondo il sistema qualità
  • Controlla il registro della classe (note, ritardi, assenze, permessi, ecc.) e informa regolarmente il collaboratore del DS incaricato della tenuta del registro generale delle assenze della classe
  • Controlla il verbale redatto dal segretario
  • Cura i rapporti scuola-famiglia e presiede le assemblee dei genitori in occasione delle elezioni
  • Raccoglie le programmazioni le relazioni finali e le valutazioni intermedie e finali dei docenti della classe
  • Consegna ai genitori le informative intermedie di valutazione e le pagelle trattenendo una copia da consegnare alla segreteria didattica
RESPONSABILE DI LABORATORIO
  • È sub-consegnatario dei beni presenti nel laboratorio
  • Redige opportuno regolamento di laboratorio;
  • Effettua l’inventario beni a inizio anno e lo aggiorna in caso di variazioni (acquisizione di nuovi dispositivi o dismissione di impianti obsoleti);
  • Predispone un registro, da compilare a cura dei docenti, per la rendicontazione delle attività di laboratorio;
  • Cura l’installazione e la rimozione del software sulle varie postazioni di lavoro;
  • Archivia a fine anno i lavori degli studenti e rilascia libero lo spazio di memoria per le nuove classi;
  • Predispone le postazioni di lavoro all’utilizzo da parte degli studenti, creando opportune cartelle di lavoro distinte per classe e per disciplina;
  • Attribuisce password di accesso ai vari utenti (docenti e studenti) di laboratorio selezionando i diritti di accesso ai servizi e alle risorse;
  • Verifica che gli studenti non modifichino le impostazioni generali delle postazioni di lavoro, eventualmente disinibendo le funzionalità del computer che consentono tali variazioni;
  • Mantiene efficiente il laboratorio dal punto di vista dell’utilizzo delle risorse ivi dislocate: computer, stampanti, proiettori, videocamere, webcam, scanner, mouse, cavi, ecc. e comunica tempestivamente al responsabile degli acquisti e della manutenzione eventuali malfunzionamenti;
  • Cura l’impostazione e la funzionalità della LAN di laboratorio, verificando periodicamente l’efficienza delle connessioni di rete del tipo peer-to-peer e client-server;
  • Configura un server proxy di laboratorio per l’accesso centralizzato, tramite la rete d’istituto, al server d’istituto e, mediante questo, alla rete internet.;
  • Cataloga e conserva le garanzie delle apparecchiature, le licenze d’uso del software e i supporti originali per l’installazione dei programmi;
  • Redige un piano preventivo per l’implementazione del laboratorio con nuove attrezzature e l’acquisto di materiale di consumo necessario al funzionamento degli impianti;
  • Predispone apposita relazione finale sull’utilizzo del laboratorio, sulle attività svolte, sulle modalità di accesso e di impiego delle apparecchiature, evidenziando eventuali problemi e disfunzioni e suggerendo possibili rimedi;
  • Effettua, in collaborazione con il responsabile degli acquisti e della manutenzione, il collaudo delle nuove apparecchiature in dotazione al laboratorio e delle apparecchiature riparate in assistenza tecnica.
RESPONSABILE SPP
  • Svolge la funzione di RSPP in attuazione del D.L. 626/94, del D.M. 10/03/98 e del D.M. 388/03
  • È referente della Rete per la Sicurezza
  • Individua le misure per assicurare la sicurezza , la salubrità degli ambienti di lavoro e la logistica
  • Individua ed elabora le misure preventive e protettive da adottare
  • Aggiorna il Documento di Valutazione dei Rischi;
  • Predispone la modulistica per la convocazione della riunione periodica e stesura del verbale della stessa;
  • Predispone de la lla modulistica per la effettuazione delle prove di evacuazione da terremoto/incendio;
  • Predispone, a richiesta, le circolari informative per tutto il personale, riguardanti i vari rischi;
  • Elabora e Propone i programmi di informazione e formazione per studenti e personale
  • Contatta gli enti preposti per il conseguimento degli obiettivi sopra esposti
  • Rendiconta sull’attività svolta
  • È componente dell’Ufficio di Dirigenza
ASSISTENTE A SUPPORTO DEL DS PER IL SPP Si occupa del:
  • assistenza nella effettuazione delle Prove di Evacuazione e di Prevenzione dal terremoto e da incendi;
  • assistenza in caso di ispezione da parte degli Organi di Vigilanza e di Controllo;
  • assistenza per l’individuazione e nomina di tutte le figure sensibili previste dalla normativa vigente;
  • assistenza nella nomina ed organizzazione della Squadra di Emergenza;
  • assistenza per le richieste agli Enti competenti degli interventi strutturali impiantistici e di manutenzione, oltre che delle documentazioni obbligatorie in materia di sicurezza;
  • assistenza per l'istituzione e tenuta del "Registro di Prevenzione Incendi". (D.P.R. 37/98);
  • assistenza nel coordinamento con le ditte appaltatrici, fabbricanti ed installatori per gli adempimenti necessari;
  • assistenza circa le procedure di denuncia degli eventi lesivi, per il personale dipendente e studenti;
  • assistenza circa le procedure di denuncia degli eventi lesivi, per persone terze;
  • assistenza nei rapporti con INAIL per la copertura dai rischi del personale scolastico;
  • assistenza per il controllo delle coperture assicurative per quanto non tutelato dall'INAIL;
  • assistenza negli incontri con le OO.SS e terzi per le problematiche della sicurezza;
  • assistenza negli incontri con gli Enti esterni per le problematiche della sicurezza;
  • assistenza nell'istituzione del "registro delle manutenzioni";
  • assistenza nella richiesta agli Organi competenti di nulla-osta, verifiche (VVF,ISPESL,ecc.);
  • assistenza per gli incontri con le OO.SS./Genitori per problematiche di sicurezza sul lavoro;
  • riepilogo annuale delle attività effettuate (con relative documentazioni) necessario per la dimostrazione della "attivazione operosa" agli Organi di Vigilanza in caso di eventuali controlli;
  • effettuazione di sopralluoghi periodici;
  • effettuazione della riunione periodica annuale (ex art. 35 del D.Lgs. 81/08);
  • reperibilità per qualunque approccio assistenziale relazionato alla sicurezza/salute negli ambienti di lavoro;
  • identificazione, stima e valorizzazione dei fattori di rischio per ogni Unità Operativa ed Area omogenea;
  • programmazione delle misure di intervento per i vari rischi rilevati e valorizzati, il tutto in relazione a quanto previsto dal Testo Unico;
  • stesura del Piano di Emergenza e di Evacuazione. Prove di attuazione del Piano di Emergenza, con stesura di relazione, analisi delle criticità riscontrate nel corso dell'evacuazione, con lo scopo, poi, di poterle eliminare;
  • elaborazione dei percorsi, sulle planimetrie, ove saranno indicate le vie di fuga, per effettuare l'evacuazione, così come prevede il D.M. del 1998;
PREPOSTO ALLA SICUREZZA
  • Organizza, gestisce e controlla, in qualità di preposto c/o la sede centrale di Via Pozzo Salso per il rispetto degli obblighi dei lavoratori di cui all'art. 19 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e in particolare:
  • sovrintendere e vigilare sull'osservanza da parte dei singoli lavoratori dei loro obblighi di legge e verificare affinché soltanto i lavoratori che abbiano ricevuto adeguate istruzioni accedano alle zone che li espongono a un rischio grave e specifico;
  • richiedere l'osservanza delle misure per il controllo delle situazioni di rischio e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato e inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa, informandoli del rischio stesso e delle disposizioni prese o da prendere in materia di protezione;
  • astenersi, salvo eccezioni debitamente motivate, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave ed immediato;
  • Segnala tempestivamente al dirigente scolastico ogni situazione di pericolo della quale venga a conoscenza e che si verifichi durante il lavoro, sulla base della formazione ricevuta.
COMMISSIONE ELETTORALE
  • Organizza e coordina le attività previste dalla normativa in materia di votazioni scolastiche in collaborazione con la Commissione Elettorale
  • Ha cura che venga redatto il verbale delle riunioni
  • Provvede alla quantificazione del materiale necessario per lo svolgimento delle votazioni e ne fa richiesta per l’approvvigionamento
  • Relaziona sulle attività svolte
RESPONSABILE ORARIO
  • Acquisisce i desiderata da parte dei docenti;
  • Si occupa della stesura e pubblicazione dell’orario delle attività didattiche in accordo con le esigenze generali dell’istituto, delle peculiarità delle diverse discipline e dei bisogni formativi degli alunni.
  • Provvede ad apportare opportune correzioni in ragione di evidenti situazioni palesemente in contrasto con gli interessi didattici degli alunni e/o delle esigenze organizzative del servizio scolastico.
COMITATO PER LA VALUTAZIONE DEL SERVIZIO DEI DOCENTI Il comitato è formato, oltre che dal dirigente scolastico, che ne è il presidente, da 3 docenti di cui due che sono espressione del Collegio dei docenti e uno indicato dal Consiglio d’Istituto, un genitore, un alunno e il membro esterno nominato dall’U.S.R. . Il “Comitato per la valutazione dei docenti” ha il compito di:
  • valutare l'anno di formazione del personale docente.Il “Comitato per la valutazione del servizio degli insegnanti” è convocato dal dirigente scolastico alla conclusione dell'anno scolastico di riferimento, agli effetti della valutazione del periodo di prova degli insegnanti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato. Il dirigente scolastico, dopo aver sentito il parere del “Comitato per la valutazione del servizio”, redige una relazione di prova
  • riabilitare il personale docente su loro richiesta
  • esprime parere sulla conferma in ruolo dei docenti in prova.
  • formulare i criteri per l’attribuzione del bonus premiale ai docenti.